L’offerta formativa di Lab e Summer Camp si snoda attraverso 16 corsi, suddivisi in 8 percorsi formativi, differenziati in base a fasce di età e a diversi stimoli creativi: si va dallo storytelling alla grafica, dall’informatica alla robotica, dall’elettronica ai maker lab, il tutto per fornire competenze specifiche e strutturate attraverso il gioco, la programmazione e la progettazione. Durante i Summer Camp i partecipanti avranno la possibilità di esplorare le tecnologie utilizzabili al fine di realizzare i più svariati progetti creativi: dalla produzione di videogiochi alla costruzione di robot, dalla realizzazione di opere d’arte alla narrazione di storie animate.

Le date e i dettagli dell’edizione 2016-2017 saranno aggiornati entro le prossime settimane.

Ecco alcuni dei nostri corsi:

Imparare a programmare è diventato importante come saper leggere e scrivere, non solo per diventare programmatori, ma anche perché scoprire i segreti della programmazione fornisce importanti competenze logiche e di problem solving utili a tutti. Introducendo i concetti dell’informatica in maniera creativa e collaborativa, realizzeremo programmi interattivi, giochi e racconti animati. Con i più piccoli (6-9) utilizzeremo principalmente Scratch, un ambiente di programmazione visuale, per sperimentare in maniera semplice e divertente la costruzione di giochi e narrazioni animate. Con i più grandi (10-14) partiremo da ambienti di programmazione visuale per arrivare a linguaggi più strutturati e complessi.

Il movimento dei makers dimostra come ormai sia alla portata di tutti costruire e condividere progetti che fino a poco tempo fa nemmeno avremmo immaginato. Arduino ci consente di programmare facilmente componenti elettronici, LED, motori, sensori. Grazie al fenomeno dell’Internet of Things oggi riusciamo a interagire con gli oggetti che ci circondano. Con le stampanti 3D siamo in grado di materializzare gli oggetti più disparati, tra cui pezzi di ricambio o telai per i nostri robot. Con i più piccoli (6-9) sperimenteremo il tinkering, ovvero un approccio alla realizzazione di oggetti o prodotti, che consiste nell’esplorazione e sperimentazione creativa, ispirata dai materiali e dagli oggetti a disposizione, che vengono riutilizzati in maniera atipica. Partendo da oggetti di riciclo costruiremo piccoli robottini in grado di muoversi casualmente disegnando scarabocchi, che possono essere completati dai ragazzi trasformandoli in opere d’arte contemporanea.
Con i più grandi (10-14) ci addentreremo nel mondo dei makers per realizzare progetti con l’aiuto del computer, di Arduino e di stampanti 3D.

Il mondo della robotica è stato raccontato da grandi narratori che hanno influenzato il nostro modo di intenderla e di comprenderla. In questo laboratorio dedicato alla narrazione si costruiscono storie di robot, partendo da letture dedicate al mondo della robotica, per proseguire poi alla costruzione di proprie storie utilizzando Lego WeDo programmati con Scratch. Saranno realizzati piccoli videoclip da utilizzare successivamente per animare ebook originali creati con iPad. Ogni coppia di ragazzini creerà un proprio ebook, su iPad, inventando la propria storia e animandola con immagini e videoclip delle proprie invenzioni.

Il digitale già da tempo permette ad ogni sorta di artista e musicista di trovare nuovi modi per esprimere le proprie idee e realizzare i loro progetti. Sfruttando nozioni di coding ed elettronica, i ragazzi avranno modo di avvicinarsi alla musica generativa, scoprendo come la conoscenza degli strumenti digitali possa tradursi in infiniti modi per esprimere la propria creatività e, addirittura arrivando a costruire strumenti musicali di loro invenzione.

Lo storytelling è l’atto del narrare, è una disciplina che usa i principi della retorica e della narratologia ed è una delle basi dell’educazione in ogni sua forma: lo storytelling infatti è inseribile nel settore letterario, verbale e audiovisivo. I bambini sono naturalmente abituati e inclini ad ascoltare e a raccontare storie. Attraverso questo corso insegneremo il percorso che porta alla narrazione di una storia con strumenti digitali, affronteremo temi come la fotografia digitale, le inquadrature, la nascita di una storia e la sua produzione.
Con i più piccoli (6-9) immagineremo e disegneremo i passaggi principali della nostra storia, impareremo come funziona la creazione di un mini film e sperimenteremo tutti i passaggi necessari alla sua finalizzazione. Dalla storia al montaggio finale, un percorso completo per giovani registi. Con i più grandi (10-15) il flusso di produzione si approfondisce sempre più. Una pianificazione più dettagliata per un prodotto dal sapore commerciale. Il tema attuale dei commercial televisivi sarà affrontato dall’idea alla proiezione finale attraverso un mix di strumenti digitali, recitazione e storytelling.

A tutti piace disegnare, perchè permette di rappresentare ciò che non si riesce a descrivere con le parole.

Imparare a creare nuovi segni con il computer è essenziale per sperimentare, utilizzare strumenti e tecniche diverse su un unico foglio, misurandosi con dinamiche e modalità di visualizzazione alternative. Dopo una panoramica sul mondo del design e su cosa significa essere Art Director e Graphic Designer, impareremo a utilizzare gli strumenti base di questa tipologia di attività, disegnando storie, modificando fotografie, disegnando un nostro logo e declinandolo su tutti i supporti che ci inventeremo!
Con i più piccoli (6-9) utilizzeremo principalmente grafica vettoriale per sperimentare in maniera semplice e divertente i flussi di lavoro di un Graphic Designer impegnato nella realizzazione di grafiche, loghi e semplici vignette. Con i più grandi (10-14) scopriremo come funziona il mondo della post-produzione della fotografia digitale: impareremo a effettuare i primi ritocchi, utilizzeremo i filtri fotografici, gli strumenti e le tecniche per i trattamenti delle immagini, le tecniche di pittura e di disegno.

I computer e i piccoli manufatti elettronici diventano sempre più facili da utilizzare ed il movimento dei makers dimostra che anche la loro realizzazione è ormai alla portata di chiunque: bastano semplici nozioni di elettronica e di programmazione, oltre ad una predilezione per il fai-da-te, che non guasta mai. Una persona impara meglio se si diverte: partendo da questo assunto il percorso si svilupperà in tappe strutturate come piccoli workshop che prevedono la realizzazione di semplici giochi elettronici. Con i più piccoli (6-9) capiremo come funziona un circuito elettrico e ci divertiremo a costruire piccoli giocattoli elettronici. Con i più grandi (10-14) muoveremo i primi passi con Arduino, partendo dalla base per arrivare a un progetto finale.

Sempre più spesso sentiamo parlare di gamification ovvero dell’applicazione dei concetti del game design ai contesti più disparati. Giocare è un processo che permette di allenarsi al ragionamento logico e alla ricerca di soluzioni creative e ancora più stimolante è scoprire come si realizza un videogioco. Costruire un videogioco è un processo complesso che spazia dalla progettazione dell’ambiente alla programmazione della meccanica, ma soprattutto, è un processo divertente che coinvolge la creatività dei ragazzi e permette loro di ragionare sui diversi tipi di interazione possibile tra l’utente e il computer. Con i più piccoli (6-9) utilizzeremo principalmente Scratch, un ambiente di programmazione visuale, per sperimentare in maniera semplice e divertente la costruzione di giochi e narrazioni animate. Con i più grandi (10-14) scopriremo come funziona un motore di gioco professionale e ci metteremo in gioco con un linguaggio di programmazione testuale!