Overview

Proprio come gli architetti progettano edifici stabili e i designer industriali disegnano oggetti adatti alle differenti necessità, gli interaction designer lavorano con gli ingegneri e i manager per creare prodotti digitali e interattivi che si adattino alla vita quotidiana e alla cultura delle persone, e che siano utili, funzionali e gradevoli.

Il Master in Interaction Design, in partenza nel 2017, è un master full-time (modalità 1+1 anni, assimilabile a una laurea magistrale italiana), ed è pensato per i designer che si vogliono specializzare in questo ambito. I direttori scientifici del Master sono due importanti nomi del settore: Gillian Crampton Smith e Philip Tabor.

Content

L’interaction design è in costante sviluppo. Durante il Master gli studenti potranno individuare i loro punti di forza e prepararsi a lavorare in questa particolare realtà, che richiede elasticità e aggiornamento costante. I diplomati potranno poi inserirsi in agenzie specializzate nell’Interaction Design o in studi interni alle aziende, oppure proseguire la ricerca per dedicarsi poi all’insegnamento, o fondare una propria startup. Con l’avanzamento di carriera, inoltre, gli studenti diplomati saranno in grado di ricoprire ruoli di design strategist. I direttori scientifici sono testimoni del fatto che quasi tutti gli studenti che hanno partecipato ai loro corsi di alta formazione attualmente ricoprono ottime posizioni lavorative e molti di loro in importanti studi di design o aziende italiane ed estere.

Il primo anno offre una panoramica sullo stato attuale della professione e del contesto in cui si inserisce. Inoltre gli studenti lavoreranno per la maggior parte del tempo in gruppi a progetti concreti di interaction design, analizzando il rapporto tra la persona e il prodotto digitale, il sistema operativo o il servizio oggetto di studio. Tali progetti saranno supportati da periodici workshop per accrescere particolari skills e per comprendere al meglio il contesto economico in cui si opera.

Alla fine del primo anno, gli studenti potranno scegliere se proseguire o meno il loro percorso. Il secondo anno permetterà loro di sviluppare e mettere alla prova le specificità proprie di ognuno, sviluppando una tesi sperimentale o una ricerca che sceglieranno individualmente, associato a una startup già esistente, a un’azienda o a un servizio pubblico.

Per scoprire di più, consulta le nostre FAQ e la presentazione introduttiva.

“There’s still a lot of difficult engineering to be done,
but in many spaces multiple companies have mastered the basics.
By building great experiences… design has the opportunity to set a product apart”

Ev Williams, Founder of Twitter